Aiace, associazione consumatori, scende in campo a fianco degli Agenti di Commercio per ottenere il rimborso dei contributi anche prima dei previsti vent’anni

0
617

Roma – Contributi perduti se non si paga obbligatoriamente per vent’anni. “È quanto accade – spiega il segretario generale di Aiace, associazione consumatori, Giuseppe Spartà  – agli agenti di commercio, obbligatoriamente iscritti all’Enasarco”.

L’associazione consumatori punta il dito sul fatto che, appunto, gli agenti, pur avendo pagato, regolarmente, magari anche per pochi anni meno del ventennio tassativamente previsto, non avranno alcun rimborso del versato. “Una vera disdetta questa – prosegue Spartà – anche perché qualcuno può decidere di sospendere il proprio lavoro per motivi vari, anche per mancanza del necessario movimento economico, e così non raggiungerà mai i limiti previsti, perdendo, però, tutto il pregresso versato con tanta fatica”.

I casi sono davvero tanti in tutta Italia ed il sodalizio, che vanta già settemila iscritti nella penisola, è pronto ad avviare una battaglia legale per far cambiare questa regola capestro per le tasche degli agenti. “Siamo a disposizione di tutti i professionisti di questo settore – annuncia, Spartà – che vorranno unirsi per mettere in atto un’azione unica per ottenere anche presso la Corte Costituzionale, l’abolizione di questa regola che penalizza esclusivamente un settore importante”.

Aiace, dunque, pronta a scendere in campo a fianco degli agenti di commercio per ottenere il rimborso del versato anche se non si raggiungono i canonici vent’anni di contributi.

per info
sede di Roma Associazione Aiace
06/31073579 contattare orari d’ufficio