A Roma avviata la rivoluzione dei trasporti ferroviari del comprensorio turistico taorminese

0
773

Taormina – Tutti d’accordo per il raddoppio della tratta ferroviaria “Giampilieri – Fiumefreddo” che interessa e non poco il comprensorio turistico. Si è svolta, appunto, ieri mattina a Roma, nella sala conferenze delle Ferrovie dello Stato di piazza della Croce Rossa, l’attesa conferenza dei servizi sul progetto. A rappresentare la volontà di un territorio che si vuole sviluppare attraverso un servizio più moderno tanti sindaci ed amministratori tra cui: Enzo Scibilia (vice sindaco di Taormina), Orlando Russo (sindaco di Castelmola, autore di un interessante intervento a supporto dell’iniziativa), Alessandro Costa (sindaco di Letojanni), Danilo Bevacqua (presidente del consiglio di Giardini Naxos), Antonio Veroux (esperto sulla questione del sindaco naxiota, Nello Lo Turco). Come si ricorderà nella zona ad alta vocazione turistica, stando a quanto diffuso mesi fa, dovrebbero essere realizzate due stazioni, una avveniristica in contrada Sant’Antonio, che dovrebbe servire il centro storico di Taormina e l’altra nell’area di Trappitello che è proprio confinante con la zona che si trova sotto la giurisdizione di Giardini – Naxos. Taormina, dal canto suo spinge per un collegamento diretto, non su gomma, della fermata ferroviaria al “cocuzzolo”. Il tutto è stato confermato dalla riunione che si è svolta, appunto, nella capitale. In effetti questa riorganizzazione delle ferrovie passa dalla necessità di effettuare il raddoppio della tratta ferrata che potrebbe arrivare nei prossimi anni e che libererebbe la zona a mare dalla schiavitù del passaggio dei treni. Giardini – Naxos, come località turistica da almeno un milione di presenze all’anno, gradirebbe avere, comunque, un suo scalo o fare in modo che da questa scelta epocale si riuscisse a far arrivare una valorizzazione del territorio anche mediante diverse iniziative. Su questo indirizzo si sono espressi i partecipanti. Diversa è stata la posizione della Sovrintendenza di Messina che vuole, invece, vederci chiaro sul progetto. Resta da dirimere anche il futuro della vecchia stazione di Villagonia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here