Candidato sindaco, Seby Cavallaro: “Approfondire cultura e tradizione per il rilancio turistico di Giardini Naxos”

0
494

Giardini Naxos – Riceviamo e pubblichiamo dal candidato sindaco, Seby Cavallaro, che è intervenuto sulla difficile situazione del comparto turistico della cittadina naxiota. “Naxos: Turismo e accoglienza” – scrive Cavallaro in una lunga nota – È risaputo ormai che Giardini Naxos gode di immense potenzialità a livello turistico per cui necessariamente si intende intervenire affinché la bellezza del nostro territorio e soprattutto della nostra storia (Prima Colonia greca in Sicilia) possa migliorare la sua attrattività. Bisogna intervenire con una chiave di lettura imprenditoriale attraverso investimenti per preservare, valorizzare il nostro patrimonio artistico/culturale (Parco Archeologico, Palazzo Paladino) ma soprattutto per non disperderne il valore. Occuparsi di questo settore a 360 gradi deve essere un nostro obiettivo prioritario.Si può ottenere un risultato solo se si lavora in team, in maniera coordinata, sinergica e spinti da quell’orgoglio delle proprie identità culturali. Dovremo costituire un sistema di ricezione e accoglienza turistica unico e all’avanguardia, che faccia leva su quanto di specifico possiamo offrire.L’ottica con cui intendiamo creare questo sistema non deve precludersi al solo livello comunale, bensì comprensoriale dove venga riconosciuta a Giardini la possibilità di poter guidare, grazie alle sue mille peculiarità, un distretto turistico.La nuova amministrazione dovrà dedicarsi oltre che alla bellezza delle opere e dei siti archeologici, anche all’enogastronomia, che sta sempre di più diventando la prima fonte di interesse da parte del turista (si potrebbe pensare alla riqualificazione del Palanaxos, struttura che in passato ospitava già manifestazione culinarie).Insomma, occorre dotare Naxos degli standard minimi di città a vocazione turistica (decoro urbano, pulizia, servizi e sicurezza). Dagli eventi appresi negli anni a venire Giardini deve diventare destinazione per un turismo responsabile, attenta anche ai bisogni delle persone anziane e disabili.Per questo teniamo particolarmente al Turismo della Eta che è sempre visto in maniera marginale e mai approfondito particolarmente: i viaggiatori della terza età sono delle persone più esigenti che in una vacanza chiedono svago, compagnia ma soprattutto servizi personalizzati e itinerari naturalistici ben organizzati e studiati. D’altronde, occorre stare semplicemente al passo con i tempi! Per chi opera nel turismo sa bene che sta sempre più prendendo piede il turismo ambientale , ciclo-turisticoe quello esperienziale.Con ciò bisogna riorganizzare e rendere fruibili dei percorsi naturali già esistenti (Mastrissa) magari con l’aiuto e l’impegno di molte associazioni che già svolgono questo tipo di attività. D’altro canto il turismo esperenziale che molti viaggiatori ricercano consiste nell’approfondire la cultura e la tradizione della Città, consentendo al turista di immergersi nella vita degli abitanti e nelle loro abitudini quotidiane”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here