Case cantoniere Anas: emanato un bando per l’assegnazione di cento edifici in tutta Italia

0
592

Roma – (Di Alessandro la Spina) Guidando attraverso l’Italia, ci si imbatte spesso in edifici di colore rosso “pompeiano”, che sembrano quasi sbucare dal nulla, con le loro insegne bianche indicanti il nome della strada e il chilometro esatto in cui si trovano ubicate. Di cosa stiamo parlando, è presto detto. Le Case Cantoniere, gestite da Anas S.p.A., costituiscono un patrimonio in cui si riverbera l’idea stessa di una nazione molto più unita, nei fatti, di quanto “certa propaganda” ha interesse a rappresentare. Nel corso del tempo, hanno assolto a compiti numerosi, dalla necessità di assicurare un alloggio ai manutentori stradali alla funzione di semplice deposito nel quale custodire attrezzi e veicoli. Alcune sono state dismesse con il passare degli anni, mentre altre versano tuttora in condizioni generanti, agli occhi di un attento osservatore, una profonda malinconia. Da ciò discende l’esigenza di tutelare tali manufatti mediante iniziative che ne comportino una nuova destinazione d’uso. Risale al 19 marzo scorso il bando per assegnare in concessione 100 case dislocate sull’intero territorio nazionale, idea che si innesta in un più ampio progetto, denominato “Valore Paese Italia”, mirante a valorizzare le proprietà pubbliche, sviluppato da Agenzia del Demanio in collaborazione con vari soggetti, tra cui MiBACT, MIMS, Anci, Invitalia, Fondazione F.S., enti locali e regionali. Stando a quanto si apprende da una nota stampa, in esse si prevede di realizzare, sulla base delle diverse proposte imprenditoriali e in linea con gli strumenti urbanistici vigenti, attività ricettive di qualità, capaci di garantire anche servizi complementari, come bar, punti di ristoro, centri informativi, stazioni per la ricarica dei veicoli elettrici ecc.. Per ciò che concerne la loro distribuzione geografica, la regione con il più alto numero di fabbricati messi in disponibilità è la Sardegna (30), a cui si aggiungono Lombardia (12) e Abruzzo (10). In Toscana e Lazio si procederà a 7 assegnazioni, 5 in Puglia, Emilia Romagna, Calabria e Piemonte, 3 in Sicilia e Val d’Aosta. Chiudono la lista Marche, Campania e Veneto, a quota 2, Liguria e Umbria, con una soltanto. «Attraverso il recupero di edifici dal rilevante valore iconico – afferma l’Amministratore delegato ANAS, Massimo Simonini – vogliamo promuovere un modello di sviluppo sostenibile, rivitalizzando l’economia locale e incentivando un turismo diffuso, oltre a restituire una nuova dimensione a questo patrimonio architettonico». Il termine di presentazione delle richieste, da effettuarsi in modalità telematica sul portale https://acquisti.stradeanas.it è fissato alle ore 12,00 del 15 Giugno 2021. Le costruzioni oggetto del bando, evidenziate in rosso, sono visibili navigando la mappa virtuale presente al link: https://www.stradeanas.it/casecantoniere/maps .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here