Carmelo Lo Monte il fenomeno siciliano della Lega

0
1153

Palermo – È Carmelo Lo Monte il fenomeno siciliano della Lega. Lui, occhi cerulei, da “normanno trapiantato suo malgrado” e “compagno di banco”‘al Parlamento di Matteo Salvini, è già candidato ad essere leader nell’isola del movimento che parla alla pancia delle persone. Il suo risultato è frutto di esperienza e soprattutto, di intuizione, che, spesso, non guasta. Adesso si propone, naturalmente, come punto di riferimento di un movimento che mai avrebbe pensato di trovare, a livello siciliano, oltre il 5per cento nelle urne. La sua roccaforte è Graniti, in provincia di Messina, perché ci è nato, ma lui sa trovare consensi, ovunque, anche nella vicina Taormina dove Maria Elena Boschi ha incantato i residenti solo per avvenenza e non per doti politiche, visto che il Pd ha preso, nella città del G7, l’ennesima batosta. Certo i voti di Graniti incidono poco nel grande calderone elettorale, ma nel paese del deputato, il partito di Salvini è al 37,25 per cento, visto che hanno votato il probabile premier 320 cittadini su 886 votanti. “Quella di levare “nord” dal simbolo della Lega – aveva detto, in campagna elettorale Lo Monte – è una mia idea”. E per lui, democristiano nelle radici, la scelta è stata vincente visto che è stato eletto, appunto, al proporzionale. Mauro Romano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here