Al via l’edizione “zero”‘del “Mediterranean pizza & pasta Show”, alla presenza dei top chef, pizzaioli e pasticceri, grandi protagoniste le donne

0
388

Giardini – (Di redazione) Al via l’edizione “zero”‘del “Mediterranean pizza & pasta Show”. Il tutto si è svolto nella splendida cornice di “Pizza Store, villa Recanati” della cittadina turistica, alla presenza di top chef, pizzaioli e pasticceri. E non poteva mancare neanche un virtual che ha idealmente esportato le novità del settore oltre oceano. Tante le innovazioni di questo importante contest di due giornate che si sta svolgendo tra Taormina e Giardini Naxos. Presenti numerosi operatori del settore. Grazie al virtuale sono stati coinvolti esperti del settore di Francia, Ucraina, Bulgaria, Israele, Kuwait, Usa, e Australia. La giuria di questa gara del gusto è stata composta da professionisti divisi in varie categorie e precisamente: “Identità pizza”, Carmela Guardione, segretaria “Slow Food Alcantara Taormina” e wedding planner di professione; Tony Rochetta un “contadino new generation” adesso grande professionista di Licata esperto nella valorizzazione dei grani antichi; Paolo Musarella, stimato capo barman “Aibes” che si è contraddistinto negli anni in diversi locali della “Perla”; “Identità pasta”, chef Giovanni Cannavò, conosciutissimo nel comprensorio turistico per avere formato tanti bravi ed affermati colleghi; Giuseppe Messina, sommelier e manager di un noto ristorante di Taormina, da poco premiato come uno dei migliori siciliani; Giuseppe Calvaruso, chef stellato di un noto 2 stelle “Michelin” isolano; “Identità dessert”, Salvatore Ferrara, uno dei miglior barman degli anni d’oro che prosegue la sua professione in eventi e consulenze;

Salvatore Silvestro, maestro gelatiere, ma anche pasticciere con alle spalle tanti anni di professione; Michela Vitale, sommelier

studiosa del territorio non a caso manager in uno dei miglior due stelle “Michelin” siciliani. Numerosi i partner dell’evento tra cui: Carmelo Pagano di “Sicilia da Gustare”, Roberto Abbate di slow food Alcantara Taormina conosciuto come il “vignaiolo per passione”, fratelli Riggi, famiglia Chiti, Lillo Leonardo, Gianluca e Sabina Sozubir che hanno, appunto, accolto l’edizione di avvio della manifestazione. Grande impegno è stato profuso anche da Corrado Bombaci segretario della “Federazione italiana pizzaioli” che ha coadiuvato il presidente Giuseppe Santoro, insieme a Sozubir in questa splendida iniziativa. Questi infine i vincitori nell’ordine del “Contest internazionale”: “Identità pasta”: Roberta Renci, Antonio Fucile e Lino Conti; “Identita Dessert”, Giuseppe Micalizzi, Vincenzo Fucile e Roberta Rinci; “Identità pizza”, Gaston Conti Ferraro, Massimo Sollenni e Natale Finocchio. Ognuno di loro si è distinto perché ha proposto il meglio del territorio che non a caso era il tema del Contest. Award anche internazionali che sono andati in varie categorie a: Emanuele Ferraiuolo (Stati Uniti); Thierry Graffagnino (Francia), Abraham Bilotta (Inghilterra), Raanan Yossi Nussel (Israele), Giorgio Riggio (Kuwait), Francesco Crifo Roccella, Giuseppe Santoro, Tonys Skinny, Mark Paterno, Lorenzo Tron, Valerio Mollica (Australia), Radostin Kiryazov (Bulgaria) ed Emilio Giacometti (Scozia). “In attesa dell’edizione 2024 – ha commentato Santoro – va un grazie di cuore a tutti per questa grande opportunità. A Taormina la giornata finale che vede addetti ai lavori, chef pizzaioli e pasticcieri in un simposio dai grandi temi in cui si è discusso di territorio, sostenibilità e quanto ancora vede protagonista il nostro Mediterraneo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here